Exit

COMPRESSORI MATTEI: PRESTAZIONI COSTANTI? NO CRESCENTI

Mattei si avvale di un nuovo programma di analisi delle prestazioni dei suoi compressori rotativi a palette che evidenziano come le prestazioni di queste macchine migliorino nel tempo. 

energy consumption-02-01

Si tratta di un’indagine basata sui risultati di un test condotto da Intertek. Intertek è un laboratorio indipendente di certificazione utilizzato anche dall’ente CAGI (The Compressed Air and Gas Institute) per il programma CAGI di verifica delle prestazioni dei compressori d’aria e gas.

I nuovi test effettuati provano che, a differenza di un compressore a vite, la cui massima efficienza viene registrata a zero ore e che perde di efficienza con il funzionamento per via dell’usura dei suoi componenti, i compressori rotativi a palette non si deteriorano con il tempo anzi, diventano più efficienti con il loro funzionamento.

PERFORMANCE CERTIFICATE

Intertek ha testato un compressore Mattei Maxima 55 a 60 Hz a zero ore di funzionamento. Dopodiché la macchina è stata testata a 100 ore, 200 ore e 500 ore.

Dopo 500 ore di funzionamento, i test hanno comprovato che:

  • L’energia specifica (kWmin/m3) è migliorata del 3,78%
  • La capacità nominale a pieno carico è migliorata più del 1%
  • La potenza d’ingresso a pieno carico è decresciuta più del 2%
  • La potenza d’ingresso a vuoto è decresciuta più del 2%.

I test hanno confermato l’esistenza di un periodo di rodaggio per i compressori rotativi a palette Mattei. A zero ore, le palette non sono ancora rodate. Durante le prime 1000 ore di funzionamento, le palette Mattei subiscono un processo di lucidatura quando si muovono tra le cave.

LA TECNOLOGIA ROTATIVA A PALETTE: MASSIMIZZAre L'EFFICIENZA ANCHE DOPO MOLTE ORE DI FUNZIONAMENTO

In termini tribologici, la lucidatura rimuove le ruvidità su entrambe le superfici di contatto e poiché queste sono fatte di materiali complementari, la lucidatura darà inizio ad un trasferimento microscopico di materiale che durerà per l’intera vita del compressore.

Questo non deve essere confuso con l’usura, nella quale una delle due superfici che sfregano perde materiale ad un tasso costante mentre l’altra non viene intaccata. Nel periodo di rodaggio, le superfici delle palette sono lucidate a specchio, in questo modo il basso attrito cessa e le palette scivolano su un velo d’olio di una sottigliezza pari a 1/10 dello spessore di un capello umano.

Il risultato di questo processo è una macchina ancora più efficiente che utilizza meno potenza e produce più aria nel tempo. Mentre i compressori a vite raggiungono la loro efficienza massima a zero ore, le macchine rotative a palette di Mattei si rinnovano ad ogni cambio dell’olio.

I test standard forniscono un quadro positivo del compressore a vite a zero ore ma non prendono in considerazione il deterioramento delle prestazioni del compressore nel tempo.

Facendo un paragone con i test sui compressori rotativi a palette Mattei, si denota un risultato molto buono a zero ore ma il programma non considera il miglioramento di efficienza energetica durante la vita del compressore nel periodo di lucidatura delle palette.  I nostri dati tecnici a 500 ore dimostrano che la tecnologia a palette ottiene prestazioni uniche e notevoli durante il periodo di rodaggio e miglioramenti continui nel tempo.

I dati tecnici delle prestazioni dei nostri compressori a zero ore e a 500 ore sono disponibili sul sito web di Mattei.

Scarica eBook